Passione, sperimentazione e sostenibilità

Il Team di agronomi, processisti e ricercatori ideatori dei prodotti BioDea è altamente qualificato e lavora nel settore dell’agricoltura da anni. Numerose pubblicazioni e progetti internazionali hanno contribuito allo sviluppo di questi innovativi prodotti. Lo staff tecnico è in grado di fornire assistenza e consulenza ad aziende agricole e privati, sia in Italia che all'estero. Le sperimentazioni sono avvenute nell'ambito dell’agricoltura biodinamica, biologica, e convenzionale. L’obbiettivo è quello di fornire alle aziende agricole una valida alternativa che sia economicamente conveniente, sostenibile, rispettosa dell’ambiente e che risponda alle esigenze del consumatore per una sana alimentazione. I prodotti agricoli ottenuti sono oggetto di alto interesse scientifico non solo per i residui zero dati dall’assenza di utilizzo di pesticidi e agrochimici, ma anche per analizzarne i valori nutraceutici in essi contenuti. La passione che accomuna il nostro Team è la nostra forza per una qualità di vita sostenibile.
fotofrancescobarbagligrupporm
CEO - RM Group Energy Solutions

Francesco Barbagli

Imprenditore con particolare vocazione allo sviluppo di processi utili alla produzione di energia rinnovabile, prodotti finiti da sottoprodotti, formulati per impieghi anche in agricoltura. Al momento impegnato a sviluppare il processo brevettato di ossidoriduzione in depressione per estrarre distillati vegetali, carbone vegetale ed energia con captazione e riduzione di CO2 atmosferica.

RM Group

team di ricerca BioDea
Agronomi e Ricercatori

Un team di ricerca

Il team di agronomi e ricercatori che collaborano al progetto BioDea è in continua crescita, tutti condividono la stessa filosofia ambientale e l’obbiettivo di un’agricoltura sostenibile.

BioDea ringrazia la collaborazione di importanti figure accademiche che grazie alle loro sperimentazioni hanno dato evidenza scientifica dell'efficacia dei nostri prodotti

La ricerca: il primo passo per un futuro sostenibile

Sono tante le evidenze scientifiche riguardo l’efficacia e sostenibilità dei prodotti BioDea ed in particolare del distillato di legno, ottenute in collaborazione con le Università Italiane ed Europee;
libro

Università di Pisa e Agenzia CSIRO

La pubblicazione scientifica del Professor Becagli e del Professor Cardelli del Department of Agriculture, Food and Environnement (DAFE) è stato oggetto di pubblicazione scientifica internazionale nella prestigiosa agenzia governativa australiana per la ricerca scientifica su innovazione e tecnologia ( CSIRO), con evidenza degli effetti positivi “pre-biotici” del distillato di legno nel suolo e relativo incremento dell’attività microbica.

libro

La tesi del Dott. Asoli - Università di Firenze

La tesi sul Distillato di Legno dal Titolo: “Potenzialità fitoiatriche del Wood Winegar: analisi in vitro dell’attività antimicrobica e fitostimolante” Asoli G. 2017-18, ha dimostrato l’effettiva azione di protezione e di barriera contro gli agenti patogeni e la loro capacità fitostimolante. I ceppi batterici e fungini utilizzati per lo svolgimento della tesi sono stati selezionati all’interno delle collezioni presenti presso il Laboratorio di Patologia Vegetale Molecolare (LPVM) del Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell’Ambiente (DISPAA), Università degli Studi di Firenze, Referente : Dott.ssa Stefania Tegli.

libro

La tesi del Dr. Moratelli - Università degli Studi di Siena

La tesi testimonia gli effetti ecofisiologici del Distillato di Legno BioDea su una specie orticola: l’insalata. I risultati consentono di concludere che il trattamento fogliare con Distillato di Legno ha un effetto positivo importante nel contenuto di clorofilla (+50%) in piante di lattuga canasta.

libro

La Tesi del Dott. Tessi - Università degli Studi di Firenze

La tesi del Dott. Tessi, di cui ne è relatrice la Prof.ssa Stefania Tegli, analizza le potenzialità dell’acido pirolegnoso quale stimolatore della crescita delle piante, valutato dalla radice test di allungamento effettuato su A. thaliana e N. tabacum e risultati comparabili per questi due specie.